Layers traslati

Layers traslati

Layers traslati.

Altro problema che spesso affligge le nostre stampanti 3d è quello dei layers traslati.
Quando durante la stampa improvvisamente i layers si spostano rispetto a quella che dovrebbe essere la sagoma originale
abbiamo sicuramente un problema la cui natura è da ricercarsi in più cause.
Prima di tutto fermiamo la stampa (anche spegnendo brutalmente la stampante) e vediamo da che parte si sono spostati i layers.
Se i nostri layers traslati hanno subito ad esempio uno spostamento lungo l’asse “Y” è li che dobbiamo cercare il problema.
Se si tratta di una cartesiane dobbiamo prima di tutto controllare che la cinta di trasmissione sia ben tesa, un oscillazione di +/- 2mm al centro di una cinta che scorre per 200mm è accettabile.
Se la cinta è ben tesa e il problema persiste togliamola e controlliamo che il bed scorra senza alcuna esitazione sulle barre lisce. Spostiamo il bed con un dito, il movimento deve essere fluido, senza nessuna minima esitazione. Se durante il movimento avvertiamo una sensazione come se le barre si stessero “graffiando” o siamo stati avari di lubrificante o, se i nostri cuscinetti lineari sono di tipo economico, probabilmente uno di questi ha perso una sfera che compromette il corretto scivolamento sulle barre rischiando anche di rovinarle. Ahimè l’unica soluzione è adottare cuscinetti di qualità e nel caso sulle barre siano presenti graffi anche impercettibili cambiatele, le rigature potrebbero compromettere i nuovi cuscinetti da subito. Se invece tutto scorre bene dobbiamo vedere se il driver che pilota il motore di quell’asse è ben regolato. A seconda del tipo di driver che stiamo utilizzando dobbiamo verificare ed eventualmente impostare correttamente la Vref. Se anche questo valore è corretto potremmo avere delle accelerazioni troppo alte impostate nel firmware ed anche qui il valore corretto è quasi “su misura” per ogni stampante 3d. Un altra cosa da controllare è che nel tempo non si sia allentato o spostato nulla, sia a livello di parallelismo delle barre (ma lo avremmo evidenziato spostando manualmente il bed) sia a livello ad esempio di cavi che magari urtano contro la struttura mobile del bed e ne influenzano il movimento. Controlliamo sempre i cablaggi, per come sono fatte la maggior parte delle nostre stampanti, soprattuto se cartesiane, l’asse “X” spesso si porta dietro i cavi oltre che dell’hotend e ventole varie anche quelli del motore dell’estrusore e magari ad una certa altezza dal piani i cavi sembrano laschi sia in “X-home” che in “X-max” ma 10 cm più in alto o anche meno posso diventare “corti” e quindi urtare da qualche parte.

se vuoi saperne di più o se hai bisogno di aiuto  info@3deasy.it

Un pensiero su “Layers traslati”

  1. Pingback: Layers traslati -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *