Difficoltà di adesione al piatto

warping

Difficoltà di adesione al piatto

Oggi parliamo di warping ossia difficoltà di adesione al piatto o se preferite al bed.

Sempre considerando che i suggerimenti descritti sono frutto di esperienze personali e assolutamente vogliono essere una linea guida per chi si imbatte in questo problema.

Difficoltà di adesione al piatto con PLA

Io normalmente il PLA lo stampo su uno specchio fissato o vetro sull’heated bed con quattro mollette di quelle che si usano per tenere insieme i fogli di carta e uso spruzzare una mano di comune lacca per capelli qualche minuto prima della stampa per dargli il tempo di asciugare un pò.

Molte sono le cause e molte le possibili soluzioni al problema molto comune di mancanza di adesione.
Gli effetti possono essere diversi, ad esempio se la difficoltà si manifesta subito, cioè se a stampa appena iniziata il filamento sciolto proprio non attacca e viene praticamente portato a spasso dall’hotend, probabilmente dobbiamo regolare meglio la distanza tra il piatto ed il nozzle facendo bene attenzione che sia la stessa ai quattro angoli dello specchio. La giusta distanza è misurabile facilmente con un semplice foglio di carta , deve passare tra nozzle e vetro leggermente a fatica.
Se invece il problema si manifesta a stampa già iniziata e spesso anche a buon punto probabilmente usiamo una lacca non sufficientemente fissativa o una velocità del primo layer un pò troppo alta. Possiamo provare anche aggiungendo un 5/6mm di BRIM soprattutto sel il pezzo da stampare ha una superficie che poggia sullo specchio abbastanza ampia. Il BRIM non fa altro che stampare una cornice attorno a quella che sarà la base dell’oggetto, aumentando quindi, solo per il primo layer, la reale dimensione della stampa e quindi la parte che aderisce al vetro. La cornice si rimuoverà facilmente a stampa ultimata con un semplice cutter. Alternativa a queste soluzioni è l’utilizzo di un particolare nastro adesivo da mettere sul bed, alcuni ne usano uno di quelli per carrozzieri in carta, altri uno più specifico denominato Kapton o BlueTape. Non avendo esperienze in merito non posso dirvi altro se non di aver letto commenti positivi sia per l’uno che per l’altro.

Difficoltà di adesione al piatto con l’ABS

Le cause, gli effetti e le soluzioni del PLA sono valide anche nel caso dell’utilizzo dell’ABS con l’aggiunta però della necessità di utilizzare il piatto a temperatura elevata. Io generalmente lo porto, a seconda del filamento e della ampiezza del pezzo da stampare, tra i 90° e i 110° senza utilizzare la lacca che a queste temperature cristallizza e quindi diviene inutile.

se vuoi saperne di più o se hai bisogno di aiuto info@3deasy.it

Un pensiero su “Difficoltà di adesione al piatto”

I commenti sono chiusi.